Per assistenza sull'acquisto contattaci allo 049 295 1172 o per per email scrivendoci a info@sanitariacrivellaro.it
0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Come si usa il tutore ortopedico

Come si usa il tutore ortopedico

Il modo migliore per usare un tutore ortopedico

Come si usa il tutore ortopedico: guida e consigli per sfruttare al massimo i presidi di immobilizzazione

La qualità dei tutori ortopedici ha raggiunti livelli tali da renderli sempre più usati e diffusi, anche rispetto ai più tradizionali gessi.
Per ottenere i risultati migliori il tutore ortopedico deve essere scelto e utilizzato rispettando alcuni accorgimenti.

Responsabilità della gestione

Pensiamo di aver bisogno di un tutore ortopedico?
La prima cosa da fare è chiedere il parere di un professionista: solo il medico può prescrivere l’eventuale utilizzo del tutore.

Soprattutto nel caso di una frattura, il tutore non si può mettere e togliere a piacimento, a rischio di impedire all’osso di calcificarsi. In sostanza, il tutore deve essere utilizzato rispettando nel dettaglio le indicazioni del medico. L’elemento più importante è infatti la responsabilità della gestione: un buon tutore ortopedico può offrire la stessa percentuale di guarigione del gesso tradizionale, ma deve essere indossato per tutto il tempo necessario, rimuovendolo solo per l’igiene personale.
È sicuramente preferibile sopportare il fastidio del tutore per qualche ora in più e avere la certezza di un pieno recupero fisico.

Presso Sanitaria Crivellaro mettiamo inoltre a disposizione tutori ortopedici di ultima generazione, realizzati per offrire il massimo comfort alla persona anche durante un utilizzo continuato.

La scelta del tutore ortopedico

La scelta del tutore ortopedico è fondamentale.
Esistono svariate tipologie di tutori ortopedici, diversi per struttura, funzionalità e prezzo: il nostro lavoro è assistere e consigliare il cliente nella fase di scelta, tenendo conto delle sue necessità mediche e dell’utilizzo che dovrà fare del tutore nella vita di tutti i giorni.