Per assistenza sull'acquisto contattaci allo 049 295 1172 o per per email scrivendoci a info@sanitariacrivellaro.it
0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Distorsione al ginocchio: come evitarla e come gestirla

Distorsione al ginocchio: come evitarla e come gestirla

Consigli sul trattamento della distorsione al ginocchio in ambito sportivo: come prevenirlo e come risolverlo.

Distorsione al ginocchio: che cos’è e come si cura

Cos’è la distorsione al ginocchio?
Partiamo dall’anatomia di base: l’articolazione del ginocchio è composta da quattro legamenti: i legamenti crociati anteriore e posteriore stanno al centro, mentre ai lati troviamo i legamenti collaterali, detti mediante e laterale.
Insieme, i quattro legamenti mantengono stabile l’articolazione del ginocchio.

Si parla di distorsione al ginocchio quando uno dei legamenti (o più di uno, ma speriamo di no) viene stirato oltre il limite di sopportazione o comunque riporta danni alle fibre.

La distorsione accade generalmente quando l’articolazione subisce gli effetti di una forza improvvisa. Durante l’attività sportiva, può verificarsi con urti o cadute particolarmente brusche o con torsioni violente.
I principali sintomi di una distorsione ai legamenti del ginocchio sono dolori diffusi, gonfiore e arrossamento: faremo fatica a stendere e ad appoggiare la gamba interessata.
 

Come prevenire la distorsione al ginocchio

Per chi pratica sport, gli incidenti al ginocchio non sono infrequenti. Non sempre possiamo evitare urti e cadute, ma possiamo certamente ridurre il rischio di distorsione.

  • RISCALDAMENTO_ La prima regola da seguire è scaldare bene le ginocchia: stretching e movimentazione dell’articolazione prima dell’attività sportiva sono fondamentali. Se il tempo è poco, possiamo aiutarci con prodotti e creme riscaldanti.
  • SCARPE_ Per praticare sport servono le scarpe giuste: in aggiunta possiamo fare uso di plantari personalizzati, utili ad esempio in caso di dismetria delle gambe.
  • TERRENO_ Anche con le scarpe più robuste, è importante sapere dove mettiamo i piedi: durante la corsa evitiamo per quanto possibile buche e terreni sconnessi.
  • GINOCCHIERE SPORTIVE_ Se soffriamo di ginocchia deboli, dobbiamo considerare l’opzione di fare uso di ginocchiere sportive: il giusto ausilio ortopedico può aiutarci a mantenere stabile l’articolazione anche in caso di torsione.

 

Come guarire in fretta dalla distorsione al ginocchio

In caso di gonfiore o dolore continuo al ginocchio è sempre buona norma rivolgersi a un medico professionista.

Una volta stabilito con certezza che si tratta di distorsione, la fase di recupero include riposo, ghiaccio e fasciature varie per almeno quarantotto ore. Appena il ginocchio lo permette, dobbiamo cominciare con esercizi di riabilitazione (anche in questo caso, evitiamo il fai-da-te e rivolgiamoci a un fisioterapista esperto).
Nella maggior parte dei casi, il medico consiglia l’utilizzo di un tutore ortopedico, utile sia per ridurre il dolore che per accompagnare l’articolazione nella progressiva rimobilitazione della gamba: possiamo optare per una semplice ginocchiera o per un tutore più avanzato che fornisca una maggiore stabilità.

Per chi pratica sport, il consiglio è di aspettare di essere completamente guariti dalla distorsione. In ogni caso, valutiamo la possibilità di usare una ginocchiera sportiva anche nei primi mesi dopo l’infortunio, in modo da poterci muovere liberamente e in piena sicurezza.

(Foto in evidenza: mmamania.it)